In tema di reati a tutela del diritto d’autore, integra il reato previsto dall’art. 171-bis, co. 2, I. n. 633 del 1941, il trasferimento su supporto informatico, al fine di trarne profitto, del contenuto di una banca dati appartenente ad una società privata, contenente gli indirizzi da utilizzare per l’invio di comunicazioni elettroniche di Direct e-mail marketing, in violazione delle disposizioni di cui agli artt. 64-quinquies e 64-sexies, nonché l’averne eseguito l’estrazione e il reimpiego in violazione delle disposizioni di cui agli artt. 102-bis e 102-ter della medesima legge (Cass. pen., sez. III, sentenza 8 gennaio 2020, n. 220).
Call Now Button