La sentenza della Corte di appello di Napoli del 24 maggio 2021 si inserisce nel solco giurisprudenziale secondo cui il contratto di ormeggio è atipico, la cui struttura è liberamente decisa dalle stesse parti contraenti, le quali possono prevedere anche l’assunzione dell’obbligazione di custodia dell’imbarcazione, come nella fattispecie scrutinata, con la conseguente assunzione di responsabilità in capo al gestore dei servizi portuali in caso di danni alla res, la cui liberazione, postula l’allegazione della prova di non imputabilità in capo al medesimo dell’inadempimento al suddetto obbligo.
Call Now Button